header

 

rivista

rivista

La Ginnastica Medica
organo ufficiale della Sigm
La Storia

LA NASCITA DELLA SIGM

La S.I.G.M. , Società Italiana di Ginnastica Medica, nasce il 24 aprile 1952 a Venezia, col suo primo Congresso, nella “Sala delle Colonne “ di Ca’ Giustinian alla presenza di molte autorità e di un foltissimo numero di studiosi (Medici ed Educatori Fisici) tra cui i nomi illustri del Prof. Latronico, di Mario Gallo, Michele Coco, Sergio Pivetta, Wladimiro De Gregoris, e molti altri.
In questa occasione viene approvato il primo Statuto della Società; alle prime elezioni sono eletti alla carica di Presidente il Prof. Carlo Pais; Vice Presidenti il Prof. Lolli per i Medici, il Prof. Gallo per gli Educatori Fisici.
Dal 1952 la SIGM ha promosso una lunga serie dei Congressi Nazionali e regionali, che si svolgono regolarmente tutti gli anni.

I Presidenti

A Carlo Pais, primo Presidente nazionale della SIGM, seguirono:

R. Zanoli (1953-1957) - V. Virno (1957- 1961) - R. Zanoli (1961-1969) - Boni (1969-1973) - Descovich (1973-1975) - Boni (1975-1979) - U. Del Torto (1979-1983) - V. Valerio (1983-1987) - P. Sibilla (1987-1991) - G. Costanzo (1991-1995) - F. Cimino (1995-1999) - V. Valerio (1999- 2001) - V. Valerio (2001-2003) - F. Bizzarri (2003-2005) - F. Bizzarri (2005-2007) - A. Corigliano (2007-2009)

L’attuale Presidente Nazionale, eletto nel corso del 51° Congresso Nazionale tenutosi a Ostuni nel Giugno del 2007, è Alvaro Corigliano.
Ai Presidenti precedenti hanno offerto la loro preziosa collaborazione, nel Consiglio Direttivo Nazionale, personaggi di alto livello sia tra i Medici, sia tra gli Educatori Fisici.

Lo Statuto

Il primo regolamento statutario della SIGM ha subito cambiamenti, nel corso di questi anni, fino alle recenti modifiche del 2002, adeguandosi via via all’evoluzione della Società ed alle esigenze dei suoi Soci.
Alla fine del ’59, il Consiglio decise di cambiare la denominazione della Società aggiungendo al titolo di “Società Italiana di Ginnastica Medica” (SIGM), la dizione “Medicina Fisica e Riabilitazione”.
Nell’84 è stato riconosciuto ai Soci ordinari Terapisti della Riabilitazione, il diritto alla rappresentatività in Consiglio Nazionale.
Nel 2002 la Società si è aperta a varie altre professionalità recuperando peraltro la partecipazione paritetica in Consiglio delle categorie “storiche” (Medici, Educatori Fisici, Terapisti della Riabilitazione).
Oggi la “Società Italiana di Ginnastica Medica, Medicina Fisica, Scienze Motorie e Riabilitative” ha assunto una struttura più completa e solida ammettendo tra i suoi Soci ordinari non solo Medici, Educatori Fisici (ormai Laureati in Scienze Motorie) e Fisioterapisti (ormai Laureati in Scienze Riabilitative), ma anche Operatori laureati in branche vicine al nostro campo di lavoro quali: Psicologi, Pedagogisti, Bioingegneri, Biologi, Assistenti sociali, Logopedisti, Ortottisti, Psicomotricisti, Terapisti occupazionali, Tecnici Ortopedici, ecc.
Si è anche data una struttura organizzativa più agile, attraverso la responsabilizzazione diretta dei Vice Presidenti nei settori professionali di ciascuno di essi, nonché al suo interno una rappresentatività più completa.

La Rivista

Nel ’53 viene pubblicato il primo numero della Rivista “La Ginnastica Medica”, organo ufficiale della SIGM, con i primi articoli, lo Statuto ed il Regolamento della Società ed alcuni lavori scientifici molto importanti, quali quello del Prof. Latronico “Lo sviluppo storico della ginnastica medica” e quello del Prof. Carlo Pais “Considerazioni sul trattamento delle scoliosi negli adolescenti”.
Già nella prima edizione, la Rivista mise a disposizione dei Soci le esperienze nei vari campi di lavoro, arricchendosi via via ed assumendo una veste tipografica sempre più bella e completa.
Nel ’56 viene aggiunta la dizione “Rieducazione e Riabilitazione”, mentre nel ’60 compare la dizione “Medicina Fisica e Riabilitazione “.
Essa è stata poi aggiornata nel ’79 (Presidente U. Del Torto) e nell’84 (Presidente V. Valerio).
Dopo le variazioni statutarie dell’84, sotto la Presidenza P. Sibilla, nell’87, assume una nuova e più moderna veste tipografica.
Oggi – con la nuova denominazione della Società- ha cambiato nuovamente look.

L’ultimo decennio

Il Centro di Documentazione: le esigenze scientifiche della Società hanno portato all’attivazione del Centro di Documentazione (già ubicato dal Presidente P. Sibilla a Giulianova), inaugurato sotto la Presidenza F. Cimino nel ‘95.
Dal 2000 il Centro è stato trasferito all’ISEF di L’Aquila grazie all’interessamento del Dott. F. Bizzarri, allora presidente dell’ISEF.
Oggi è collocato presso la Facoltà di Scienze Motorie dell'Università degli Studi di L’Aquila, Via Cardinale Mazzarino - 67100 L'Aquila.

L’ECM
La SIGM è divenuta “Provider” di eventi formativi nell’ambito del programma di Educazione Continua in Medicina”: tre Consiglieri Nazionali, sono stati nominati “Referee” come valutatori per il Ministero della Salute.
All’interno della Società una Commissione E.C.M. valuta gli eventi, prima dell’inoltro della richiesta di accreditamento.
Gruppi Regionali: nell’intento di decentrare l’attività scientifico-formativa e promuovere l’associazionismo, sono nati Gruppi Regionali, guidati da un coordinatore.
In conclusione noi pensiamo che, tutti coloro che ci hanno preceduti – e che ricordiamo per il loro impegno e sacrificio- ed in fondo alla catena noi stessi – Presidenti e Consiglieri tutti - abbiamo in questo cinquantennio dato vita ad un’Associazione di alto livello scientifico, che ha permesso a tutti di esprimersi al meglio; che si è battuta per la qualificazione professionale dei propri Soci, in particolare per gli ex ISEF ed ex Terapisti della Riabilitazione; che, con grande equilibrio, è riuscita a recuperare le posizioni professionali delle sue Componenti; che è riuscita a mantenere viva –pur con grande sacrificio- una propria rivista scientifica; che in sintesi costituisce oggi un punto di riferimento per tanti professionisti e certamente costituirà domani –con i presupposti del nuovo Statuto- un elemento di difesa delle sue componenti sia sul piano etico che su quello professionale.

link Lo statuto L'organizzazione